LVNG

CRO Aviano

Sviluppo del V Dente di Pettine al CRO di Aviano

Il nostro ultimo progetto prende vita nel cuore del Centro di Riferimento Oncologico (CRO) di Aviano, un gioiello incastonato nella splendida cornice di Pordenone, ai piedi delle Prealpi Carniche. Questa iniziativa, parte di un più ampio accordo quadro per i servizi tecnici di ingegneria e architettura, punta a espandere e migliorare lo spazio dedicato alla ricerca e agli studi dipartimentali con l'aggiunta di un nuovo edificio.

Distribuito su tre piani fuori terra, l'edificio è pensato per integrarsi perfettamente con il paesaggio e l'architettura esistenti, valorizzando estetica e funzionalità. La progettazione, guidata da tecnologie avanzate come il rilievo laser scanner e una dettagliata campagna fotografica, mira a creare spazi che promuovano l'innovazione e la collaborazione.

Al piano interrato, troviamo la morgue, un'area delicata e cruciale per le attività ospedaliere. Con camere ardenti, spazi per attività autoptiche e sale del commiato, è progettata per garantire privacy e rispetto nei momenti più difficili. L'accesso è attentamente gestito per separare il flusso del personale sanitario da quello degli utenti esterni, mantenendo la serenità e la riservatezza dell'ambiente. Un giardino esterno, pensato per offrire un luogo di riflessione e pace, abbraccia armoniosamente questo spazio, sottolineando l'importanza di un ambiente accogliente e tranquillo.

La funzionalità e l'efficienza sono al centro del progetto, con spazi tecnici distribuiti su ogni livello per rispondere alle esigenze impiantistiche complesse. Mentre progettiamo pensando al presente, il nostro sguardo è rivolto anche al futuro, con l'intento di creare un'area che possa evolversi e adattarsi alle future necessità, sempre nel pieno rispetto delle normative vigenti.

Questo progetto non è solo un'espansione fisica, ma rappresenta il nostro impegno verso l'innovazione e la cura, con l'obiettivo di migliorare la vita delle persone e degli operatori del CRO di Aviano. Insieme, costruiamo non solo edifici, ma anche comunità più forti e unite.